Una poesia inedita di Fabio Strinati dedicata a Sadegh Hedayat

Riceviamo e pubblichiamo volentieri una poesia inedita di Fabio Strinati.

 

(A Sadegh Hedayat )

 

Spirito “ aratore “ dalla tempra cucita sulla pelle

come nel campo, i raggi caldi del mattino

il nuovo sole picchia agricolo il suo cuore

nell’ampia regione della Persia il Vicino Oriente.

Svettano imponenti le sagome

dei primitivi Monti Zagros o preistorici reperti

come la città di Susa dell’acropoli un bottino

di storia scolpita nell’odierna Shush.

Il monte di lapislazzuli Demavend, quiescente

nell’animo e puro, il suo cuore un vaso

rigoglioso le piovose nevi, come caldo cappello

quel suo manto di prigione:

culture come intrichi, le ombrose foreste

come frecce vagano diritte per vastità

“ l’immenso deserto “ dalle croste di sale

o l’uadi nel calore; fra le torride paludi,

la speranza dell’antica Zurna come refolo

una leggendaria nota… l’armonia di un liuto

la poetica pandora.

Fabio Strinati

View all posts

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fabio Strinati

PODCAST

Calendario

Conversazioni sull'Iran
Conversazioni ...
By Antonello Sacchetti
Photo book