L’Iran ha una considerevole esperienza nel campo dei lanci suborbitali. Il 25 Febbraio 2007, la radiotelevisione statale ha annunciato che un razzo iraniano che portava un cargo non specificato è stato lanciato con successo. Un anno dopo, il 4 Febbraio 2008, l’Iran ha lanciato con successo un razzo suborbitale di due stadi a combustibile solido chiamato Kavoshgar-1 (Explorer-1) per il test inaugurale di un volo suborbitale. Il primo stadio del razzo si è staccato dopo 90 secondi ritornando sulla superficie con l’aiuto di un paracadute mentre il secondo stadio è arrivato all’altitudine di 200 chilometri prima del rientro nell’atmosfera terrestre avvenuto dopo 300 secondi. La terza parte del razzo, contenente una sonda atmosferica è salita fino a 250 chilometri, trasmettendo con successo i dati scientifici sull’atmosfera e sulle onde elettromagnetiche.

Il 17 agosto 2008, l’Iran ha proceduto al secondo lancio di un satellite impiegando il vettore Safir a due stadi e a propellente liquido; il razzo spaziale è partito da una rampa di lancio tutta iraniana nel sud della regione del Semnan nella parte settentrionale del deserto Dasht-e-Kavir.

Il 2 febbraio 2009, la televisione statale iraniana ha annunciato che Omid (Speranza), il primo satellite costruito interamente nel paese è stato lanciato con successo da una versione del razzo iraniano Safir (Safir-2) in orbita terrestre bassa (LEO) che si trova tra i 160 ed 2000 km e quindi l’Iran è diventato il nono paese al mondo con la capacità di mettere un satellite tutto domestico in orbita.

L’attività scientifica dell’Iran è continuata con il test di laboratori spaziali. Nel 2011, l’Iran ha lanciato una serie di laboratori per testare “le strutture spaziali ed i sistemi” in linea con il suo programma di conquista dello spazio. Il laboratorio comprende, infatti, dieci piccoli laboratori per “rinforzare le infrastrutture dell’industria spaziale” dell’Iran e per “aiutare a migliorare le capacità delle forze umane”.

Il vettore spaziale Safir SLV, citato in precedenza, è in realtà un vettore spaziale interamente iraniano dalle dimensioni di 22 metri d’altezza ed il diametro di 1.25 metri. Il razzo è dotato di due stadi a propellente liquido, di una singola camera di combustione nel primo stadio e di una massa decollo superiore a 26 tonnellate.

In base ad una documentazione tecnica presentata al convegno annuale dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico, questo è un razzo di due stadi con motori a propellente liquido.

Il Safir-2B è considerato la generazione successiva di Safir SLV che può condurre un satellite con il peso di 50 chilogrammi fino ad un’orbita ellittica che spazia tra i 300 ed i 450 chilometri di altitudine dalla piana terrestre. La spinta del motore del razzo Safir-2B è stata aumentata da 32 a 37 tonnellate.

***

Intervista al Professor Giovanni Bignami, presidente del Comitato internazionale della ricerca spaziale, presidente del Comitato consultivo dell’Agenzia Spaziale Europea (l’ESA) e in Italia presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF).

E’ disponibile attraverso il link sottostante l’audio integrale dell’intervista.

Fonte: http://italian.irib.ir/notizie/item/117728

Antonello Sacchetti

Giornalista, blogger, podcaster, autore di diversi libri sull'Iran.

View all posts

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Antonello Sacchetti

Giornalista, blogger, podcaster, autore di diversi libri sull'Iran.

PODCAST

Calendario