Una storia borghese

Cos’è che ci definisce? Il carattere? Il fisico? La carriera? Il censo? L’etnia? La religione? Nulla di tutto questo? O tutto questo insieme? E ci interessa davvero saperlo? Raccontare e raccontarci la nostra vita a cosa serve davvero? A liberarci di qualcosa o a raggiungere qualcosa? L’autobiografia è un genere piuttosto particolare, appannaggio generalmente di personaggi non giovanissimi: fanno eccezione calciatori e pop star. Perché invece una scrittrice e giornalista specializzata in Medio Oriente decide di raccontare la propria storia?

Lo confesso, è la prima domanda che mi sono fatto quando ho saputo dell’uscita dell’ultimo libro di Farian SabahiNon legare il cuore. La mia storia persiana tra due paesi e tre religioni (Solferino). Mettiamoci pure che con Farian esiste un’amicizia ormai decennale e quindi il giudizio non solo sul libro, ma sull’idea stessa di scriverlo, è condizionata da una conoscenza – seppur parziale – di ciò che il libro contiene.

Non è stato un libro “veloce”: la gestazione è durata anni e il risultato finale mi ha sorpreso. Già dal sottotitolo: “La mia storia persiana tra due paesi e tre religioni”. Dei due Paesi, Iran e Italia, sapevo, ma mi era sconosciuta l’importanza per l’autrice della religione. O, meglio, delle religioni, cioè Islam, cattolicesimo e zoroastrismo. Presenti non solo come scelte – autonome o forzate – ma anche e soprattutto come basi di formazione della persona.

Il libro si sarebbe dovuto intitolare Battezzata, perché come spiegano le note di quarta copertina, c’è un episodio alla base, all’alba di tutta la storia:

Il genero iraniano si concede un caffè e la suocera piemontese ne approfitta per prendere la neonata, salire nella cappella al primo piano della clinica e farla battezzare all’insaputa dei genitori. È l’evento che segna la vita di Farian, figlia di uno dei primi matrimoni misti degli anni Sessanta.

Da qui parte un racconto a più voci, in cui, come in una staffetta, si alternano genitori e parenti. Anche se la vera protagonista rimane sempre l’autrice stessa, che per cercare sé, viaggia anche nel tempo, andando alla ricerca della storia della famiglia di suo padre.

Molti luoghi, molte atmosfere diverse, dall’altopiano iranico al Monferrato, attraverso i fatti, i personaggi e i dolori degli ultimi cinquant’anni. Stavo per aggiungere un pleonastico “della nostra storia recente”. Ma quella “nostra”stonava, visto che ci sono storie diverse che si accavallano e che non sono affatto condivise nella memoria collettiva. Gli anni Sessanta raccontati attraverso le lettere di papà Taher (personaggio centrale di tutta la narrazione) sono uno dei passaggi più belli, più interessanti e anche più sorprendenti del libro, proprio perché ci offrono uno sguardo “altro”. Cioè come un giovane studente iraniano vedeva l’Italia del boom economico.

 

 

Così come anche l’Alessandria degli anni Settanta, decisamente poco solare e fosca di tensioni non solo politiche: la paura dei sequestri di persona vissuta nella condizione particolare della figlia sì di “un immigrato”, ma comunque appartenente a una famiglia ricca. Il nome è straniero ed esotico, ma il nonno che gira in Ferrari spiazza i prevenuti in un’Italia non ancora terra di immigrazione.

Tutta la storia è segnata da una costante condizione di “essere altrove”. Iraniana ad Alessandria, italiana in Iran, alessandrina a Torino e così via. Forse non una conseguenza imprevista, ma in fondo una scelta inconsapevole. Proprio come ricorda il titolo, tratto dai versi di Rumi:

Non legare il cuore a nessuna dimora, perché soffrirai quando te la strapperanno via. E poiché tante dimore hai attraversato, da quando eri goccia di sera fino ad ora, prendile alla leggera, e leggermente le potrai lasciare.

Nel finale, la stessa Farian confessa:

Ho compiuto cinquant’anni. Ancora non ho risolto la questione religiosa (..). Anche se preferirei non dovermi per forza definire, quando mi viene posta con insistenza la domanda, rispondo di essere musulmana e, per la precisione, sciita: credo in un solo Dio, Maometto è il suo profeta e seguo la linea di successione attraverso suo cugino Ali e i figli che egli ha avuto sposando Fatima, la figlia prediletta del Profeta

Per l’autrice è l’identità religiosa la meta e il filo conduttore del racconto della propria vita. E’ un desiderio e forse un bisogno (anche se un bisogno non pienamente accettato) definirsi dal punto di vista religioso. Un bisogno tipicamente borghese, come appunto è la storia, la vita narrata in questo libro, intendendo per borghesia quella classe sociale che a lungo è stata individuata come forza motrice della Storia. E in questo caso è interessante notare  come l’incontro tra due borghesie lontane e diverse (quella bazarì di Teheran e quella industriale piemontese) abbia generato una storia coerente, come aspirazioni, come senso di sé.

Ed è questo il perché del libro e anche il senso del suo stile: il racconto di una vita come un grande romanzo familiare, una storia borghese.

 

 

Un mosaico di passione

Il poeta persiano Rumi scrisse che la verità è uno specchio caduto dalle mani di Dio e andato in frantumi. Ognuno di noi ne raccoglie un frammento e, specchiandosi, ritrova solo una parte di verità. In questo libro denso e conciso, ricco di informazioni e spunti, Antonello Sacchetti offre al lettore tanti diversi frammenti. Appassionato di cultura persiana, ne ha studiato la lingua e – come gli iraniani – intercala prosa e poesia. Il risultato è una lettura scorrevole, piacevole. Molte le citazioni letterarie, a cominciare dal titolo (che non sveleremo). Per poi passare al cinema, con suggerimenti preziosi. In questo centinaio di pagine, la politica è in un certo senso il filo conduttore con i suoi protagonisti, le elezioni osservate da vicino presso la sede diplomatica iraniana a Roma, le opinioni degli amici e conoscenti.

Qui e là scopriamo un sistema legale in cui le autorità religiose permettono (da tempo) di prendere un utero in affitto e (per la povera gente) persino vendere un rene. Un sistema legale dove sono presenti istituti giuridici curiosi come il mehrieh (la dote che il promesso sposo deve versare alla futura moglie) e il diyeh (il prezzo del sangue, ovvero il risarcimento in denaro che ti può salvare dalla forca in caso di condanna per omicidio).

E non è tutto. Antonello Sacchetti porge al lettore informazioni preziose sulla tecnologia di altissimo livello utilizzata in Iran, le politiche ambientali della Repubblica islamica e l’importanza delle energie rinnovabili. Pagina dopo pagina scopriamo anche un atteggiamento diverso (rispetto all’Europa) nei confronti dei rifugiati: l’Iran ospita un milione di afgani registrati presso l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati e a metà aprile del 2016 i commissari dell’Unione europea in visita a Teheran hanno offerto sei milioni e mezzo di euro stanziati da Bruxelles per contribuire alla loro assistenza sanitaria e all’istruzione. Augurandosi che, così facendo, decidano di stare in Iran e non bussino pure loro alle porte dell’Europa. Il filo conduttore di questo libro  è la passione (contagiosa) che ha portato Antonello Sacchetti in Iran. Tante volte. Anche come accompagnatore di gruppi. Perché viaggiare è vivere due volte, scrisse il poeta Omar Khayyam. Come ha detto il presidente Hassan Rouhani a Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, l’Iran e l’Italia hanno in comune la grande bellezza. E, aggiungiamo noi, una storia millenaria. Quello che oggi chiamiamo Iran non è altro che l’antica Persia. Il nome cambia il 21 marzo 1935. Da quel momento sulle cartine geografiche appare un nuovo Stato. Si chiama Iran. A prendere questa decisione è Reza Shah, il fondatore della dinastia Pahlavi e padre dell’ultimo imperatore scappato il 16 gennaio 1979, durante la Rivoluzione. Un cambiamento accompagnato da molti altri, che servono ad arginare le influenze straniere e ad accentuare il nazionalismo volto a compattare un Paese dalla storia millenaria e dalle tante anime. Ognuna frammento di un mosaico complesso.

Farian Sabahi, docente, giornalista e scrittrice specializzata su Iran e Yemen

Titolo: LA RANA E LA PIOGGIA L’Iran e le sfide del presente e del futuro
Autore: Antonello Sacchetti
Caratteristiche: Formato cm. 14,5×21,5, copertina a colori, filo refe
Pagine: 112
Prezzo: euro 11.50
Isbn: 9788868611477
Anno di pubblicazione: 2016

Presentazione ‘Il mio esilio’ a Roma

Il mio esilio

Martedì 16 settembre la scrittrice e giornalista iraniana Farian Sabahi presenterà a Roma, alle ore 19 presso la libreria “Settembrini libri e cucina” (piazza dei martiri di Belfiore 12), il suo ultimo libro

IL MIO ESILIO. SHIRIN EBADI CON FARIAN SABAHI

edito in digitale da Feltrinelli nella collana Zoom e, in autunno, in cartaceo per i tipi di Mimesis.

Shirin Ebadi è stata la prima donna iraniana e la prima musulmana a ricevere il Nobel per la Pace.

Nel 2003 il Comitato per il Nobel l’ha scelta “per il suo impegno nella difesa dei diritti umani e a favore della democrazia”.

Farian Sabahi l’ha intervistata a Londra, dove vive in esilio dopo le contestate elezioni presidenziali del 2009, segnate da brogli e violenza. In queste pagine Shirin Ebadi racconta il suo Iran:

“L’11 febbraio fu annunciata la vittoria dei rivoluzionari. Eravamo felici, pensavamo fosse l’inizio di una nuova fase nella storia di un paese millenario. E invece, proprio quel giorno, l’8 marzo 1979, la radio annunciò che tutte le impiegate della pubblica amministrazione avrebbero dovuto coprire i capelli con il foulard”.

Un percorso nell’Iran di oggi, con uno sguardo indagatore sugli anni che hanno portato al teso clima politico attuale.

Oltre all’autrice, all’incontro interverranno la reporter Francesca Paci (inviata in Medio Oriente del quotidiano La Stampa),  il giornalista Alberto Negri (inviato di guerra del Sole24Ore) e il blogger Antonello Sacchetti.

Durante la presentazione saranno disponibili le copie cartacee di IL MIO ESILIO e anche quelle del libro precedente di Farian Sabahi dal titolo NOI DONNE DI TEHERAN nell’edizione di Mimesis (con allegato il CD audio, 12 euro). Aperitivo a seguire!

#SalTo12

Il Salone è finito, evviva il Salone. Ogni volta se ne parla un sacco, prima, dopo e durante. Il Salone di Torino, il mercato del libro, l’editoria in crisi, ecc. ecc. Per me è stata la quarta volta. Com’è andata? Non lo so. Giudizio sospeso. Tanta confusione, ma anche diversi segnali interessanti, di discontinuità. In un momento come questo, in generale, credo che i cambiamenti siano tendenzialmente positivi. La vera novità è rappresentata dall’editoria elettronica. Vedremo se i cambiamenti che oggi cominciamo a vedere diverranno concreti nei prossimi mesi.

In attesa di chiarirmi io per primo le idee, ho raccolto in uno storify immagini, video e tweet dello scorso weekend. Eccolo qua: