Iran nucleare, la magnifica ossessione di Netanyahu

Sarà stata la scenografia decisamente scadente (quei faldoni schierati fanno tanto ufficio delle imposte e sono così poco degni di una spy story) ma stavolta lo show del premier israeliano Benyamin Netanyahu non sembra aver riscosso grande successo. Non c’è poi molto da raccontare: in una conferenza a Tel Aviv “Bibi” ha detto di essere in possesso delle prove dell’esistenza di un programma segreto iraniano, chiamato Amad, per la creazione di cinque bombe atomiche “equivalenti a quella di Hiroshima”.

Queste prove, risultato di un colpo dell’intelligence israeliana, sarebbero contenute in 55mila file, custoditi in un armadietto pieno di faldoni e in circa 200 cd: “Sono – ha dichiarato – 55.000 pagine di documenti e altri 55.000 file su cd, copia esatta degli originali provenienti dagli archivi segreti del programma nucleare iraniano”, il tutto mostrato al mondo in diretta televisiva.

Peccato però che questo programma “Amad”, diretto da Mohsen Fakhrizadeh, sia durato dal 1999 al 2003. Non ci sono prove che l’Iran  abbia condotto un programma segreto dopo lo storico accordo del 2015.

Lo show di Netanyahu sembra perciò soprattutto  il preludio all’uscita da parte degli Usa dall’accordo del 2015. Una scelta unilaterale, da tempo ipotizzata da Trump e ormai imminente. Entro il 12 maggio, infatti, Washington deve decidere se continuare a sospendere le sanzioni o ripristinarle, uscendo così di fatto dall’accordo.

 

L’Iran cosa dice?

Il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Araghchi ha definito la conferenza di Netanyahu “ridicola” e “infantile”. Il ministro degli Esteri Javad Zarif, in una serie di tweet, è stato più esplicito: “Respingiamo la reiterazione delle vecchie accuse lanciate dal premier israeliano Benjamin Netanyahu in coordinamento con gli Stati Uniti con l’intento di boicottare l’accordo sul programma nucleare di Teheran”.

 

 

 

La nota di Federica Mogherini

“Da quello che abbiamo visto dalla sua esposizione, il primo ministro (israeliano) Netanyahu non ha messo in dubbio l’adempimento dell’Iran” all’accordo sul nucleare, che “non è basato su buona fede o fiducia, ma su impegni concreti, meccanismi di verifica e una rigido monitoraggio dei fatti”, che certificano come “l’Iran rispetti pienamente i patti”. Lo scrive in una nota l’Alto rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogherini.

“Prima di tutto – scrive -, la reazione può essere solo preliminare, perché, com’è ovvio, dobbiamo fare una verifica nei dettagli” di quanto esposto da Netanyahu, “vedere i documenti e ottenere il parere dell’Aiea (l’agenzia dell’Onu per l’energia atomica, ndr)”, perché quest’ultima “è l’unica organizzazione imparziale, internazionale che ha il mandato di verificare gli impegni dell’Iran”. “Non ho visto da parte di Netanyahu argomenti che provino una violazione da parte dell’Iran” di un accordo che “fu creato proprio perché fra le parti non c’era la fiducia”.

L’AIEA smentisce Netanyahu

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) ha ribadito il 1° maggio in un comunicato, citando un suo rapporto del dicembre 2015, che non aveva “alcuna indicazione credibile di attività in Iran attinenti allo sviluppo di un ordigno nucleare dopo il 2009”.

 

Ancora qualche giorno e molto probabilmente sarà il presidente Usa Donald Trump a riaprire una questione che pareva risolta tre anni fa.

 

Lascia un commento

*

*