Botta e risposta

“Non sono domande difficili. Io ne avrei scelte di migliori”. Il presidente Ahmadinejad ha usato il sarcasmo per ribattere ai quesiti posti in parlamento da un gruppo di 79 deputati che lo ha accusato di non rispettare la legge. È la prima volta nelle storia della Repubblica islamica che un presidente è chiamato a rispondere in aula sul proprio operato.

Va precisato che il Parlamento è ancora quello uscente, dato che il processo elettorale iniziato col primo turno del 2 marzo non si è ancora concluso. I deputati avevano 15 minuti per presentare le loro domande, il presidente un’ora per rispondere.

È stato il deputato Ali Motahari ad aprire le danze, accusando Ahmadinejad di aver violato la legge in modo evidente in diverse questioni. Le domande sono state tutte sui temi che hanno animato la politica iraniana dell’ultimo anno: la rimozione del ministro degli Esteri Mottaki, le frizioni con la Guida sulla mancata rimozione del ministro dell’Intelligence Heydar Moslehi, il mancato finanziamento di 2 miliardi di dollari per la metropolitana di Teheran, una presunta eccessiva tolleranza nei confronti delle regole di abbigliamento delle donne, e il fallimento della sua riforma dei sussidi.

Su quest’ultimo punto, Ahmadinejad ha rispedito al mittente le accuse, ricordando che la riforma era stata votato dallo stesso parlamento e che l’inflazione è determinata dalle sanzioni. Sulle altre questioni, ha dato risposte molto vaghe o ha negato l’esistenza dei singoli problemi.

Molti deputati si sono detti offesi dal comportamento del presidente che nel suo discorso ha anche alluso a uomini politici che si sarebbero guadagnati un titolo universitario ”premendo un bottone” e ad altri che dovrebbero provare “l’esperienza del carcere”.

Khamenei ha vinto il confronto elettorale, ma Ahmadinejad non sembra proprio accennare a una resa. In vista delle presidenziali 2013, si preannuncia un anno molto intenso per la Repubblica islamica.

Lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.