The following two tabs change content below.

Davood Abbasi

Giornalista e ingegnere iraniano.

Ultimi post di Davood Abbasi (vedi tutti)

Repubblica Islamica 4.0  Internet per 932 città, 28 mila villaggi e 45 milioni di utenti: l’amministrazione Rohani investe per affrettare il passaggio alla quarta rivoluzione industriale che trasformerà la Repubblica Islamica in un Iran 4.0. Il 13 e 14 luglio si è tenuta a Teheran in presenza di studiosi, imprenditori e accademici provenienti da tutto il mondo, la terza conferenza internazionale “Industry4.0” a Teheran, nella particolare cornice del salone ricevimenti della Milad Tower, la sesta più alta del mondo.

In Iran 45 milioni di internauti

L’amministrazione Rohani ha dichiarato dal 2013 di voler investire sulla diffusione di internet e dell’incremento della qualità delle telecomunicazioni, dato che esse sono scientificamente considerate la base della quarta rivoluzione industriale. Il governo Rohani ha diffuso nella nazione i servizi per internet e ha fatto salire a 45 milioni gli utenti in Iran (su un totale di 80 milioni di persone), fornendo soprattutto internet nelle campagne e nei centri rurali; oggi si parla di 932 città e 28 mila villaggi iraniani collegati.

L’Iran, tra l’altro, si presta bene al cambiamento per la popolazione giovane; il 60% della popolazione ha tra i 20 ed i 32 anni, 72 milioni hanno un cellulare (smartphone per la metà) e vi è già la tecnologia 4G.

 Repubblica Islamica 4.0

Teheran lavora per l’alfabetizzazione digitale

Secondo Nasser Ghanemzadeh, direttore della start-up Finnova, “i nostri vecchi hanno iniziato a usare la tecnologia con gli smartphone, saltando direttamente la fase di digitalizzazione con i personal computer. C’è fame di tecnologia ed è per questo che tutti vogliono fare startup e la maggior parte si specializza nella creazione di software”. Il ministro delle telecomunicazioni e della tecnologia dell’informazione, Mahmoud Vaezi, ha affermato a Teheran che oggi il governo iraniano sta pianificando per elevare “l’alfabetizzazione digitale e informatica”, come uno dei requisiti della quarta rivoluzione industriale.

Il governo iraniano ha attuato anche il progetto di rete internet nazionale, un sistema che praticamente connette gli utenti con il resto del mondo solo quando essi in effetti digitano un sito straniero, mentre per i collegamenti interni, in pratica, viene attivata un’altra modalità che non ritiene necessario il passaggio attraverso la rete internazionale. Altro settore della quarta rivoluzione industriale in cui l’Iran ha investito molto a livello perlomeno scientifico è la nanotecnologia, settore in cui Teheran è la sesta al mondo per la produzione di articoli scientifici.

Viaggio nella Silicon Valley iraniana

Negli ultimi anni a nord di Teheran, si è sviluppata una vera e propria Silicon Valley dove sono nate le prime creature della quarta rivoluzione industriale in Iran. Con una velocità frenetica sono nate startup iraniane per offrire servizi che il mondo occidentale conosce da tempo:

  • Digikala, valutata sui 150 milioni di dollari, è un e-commerce sul modello di Amazon;
  • Cafe Bazaar è una app per Android che funziona come Google Play e con i suoi 20 milioni di utenti vale circa 20 milioni di dollari;
  • ZarinPal svolge lo stesso ruolo di PayPal;
  • Zoraq è il primo portale iraniano per la prenotazione dei viaggi sulla falsa riga di Expedia; Takhfifana e la Groupon iraniana
  • Aparat è la YouTube persiana.
  • Fortissime oggi a Teheran pure Snapp e Tap30, cloni di Uber che stanno cambiando praticamente il modo di vivere in una Teheran di 14 milioni di abitanti, dove la gente si sposta per lo più in automobile.